eFuel: una soluzione alternativa

Da anni si parla sempre di più di sostenibilità ambientale, si cerca in ogni modo di rendere il più possibile giovane e verde il nostro pianeta. Gli esseri viventi sono i polmoni del mondo, quindi per vivere bene dobbiamo salvaguardare il più possibile il nostro pianeta Terra, nel migliore dei modi. Molti fattori incidono sull’inquinamento ambientale e, siccome in parte ognuno ha le sue colpe, dobbiamo concentrare tutti insieme gli sforzi per avere un mondo più pulito possibile. Nel settore automotive, si stanno cercando diverse strade per abbattere questo problema. Una su tutte quella dei veicoli elettrici, seguono poi importanti ricerche sull’idrogeno. I veicoli elettrici sono il futuro, ma i veicoli con un’unità motrice a combustione interna non scompariranno presto, motivo per cui i carburanti sintetici potrebbero fornire un’opzione più ecologica per la stragrande maggioranza delle auto in circolazione oggi, per potergli permettere di circolare con tutta tranquillità inquinando meno possibile. Obiettivo principale: abbattere le emissioni di anidride carbonica, quindi CO2.

Di fatto esistono attualmente due modi per ridurre o eliminare le emissioni di anidride carbonica:

1. Il motore elettrico, che non utilizza combustibili; di conseguenza non  genera nemmeno CO2. Questo ha senso solo se l’elettricità utilizzata per la propulsione proviene da fonti rinnovabili prive di CO2.

2. I carburanti sintetici o biogeni, i cosiddetti eFuel. Un’auto alimentata con eFuel emette sì CO2 localmente, ma solo nella stessa quantità immagazzinata nel carburante per la sua produzione. Anche in questo caso, però, l’energia deve provenire da fonti rinnovabili prive di CO2.

Tra le aziende che stanno investendo e sviluppando maggiormente questo prodotto, Porsche è senza dubbio una di quelle più attive ma è lungi dall’essere la prima a dedicarsi alla ricerca sui carburanti sintetici. Audi, Bosch e McLaren parlano e lavorano sulla tecnologia da anni.

Gli eFuel che Porsche sta testando utilizzano ingredienti CO2 e idrogeno e sono realizzati utilizzando energia rinnovabile, che riduce significativamente le emissioni di gas serra rispetto ai combustibili a base di petrolio. Infatti possono rendere più sostenibile la guida dei veicoli esistenti, affermando che possono rendere un motore a combustione interna pulito come un veicolo elettrico.

Il risultato finale è un liquido che un motore brucerà come se fosse benzina ricavata dal petrolio greggio, ma un eFuel può essere prodotto in maniera climaticamente neutrale, almeno in teoria. Parlando al recente lancio della nuova 911 GT3, il vicepresidente Porsche di Motorsport e GT, Frank Walliser, ha affermato che l’azienda avrà il suo primo piccolo lotto di prova, 130.000 litri di eFuel, pronto entro il 2022.

“Il carburante sintetico è più pulito e non c’è sottoprodotto, e quando inizieremo la piena produzione prevediamo una riduzione di CO2 dell’85%”, ha affermato Walliser. Se vediamo in una prospettiva “dal pozzo alla ruota” si deve considerare l’impatto dal pozzo alla ruota di tutti i veicoli, e noteremo che si avrà lo stesso livello di CO2 emesso nella produzione e nell’uso di un veicolo elettrico.

Uno dei grandi vantaggi di eFuel è che puoi pompare in un veicolo a benzina standard senza dover apportare modifiche al motore. L’eFuel di Porsche non è pensato solo per i veicoli stradali. La nuovissima Porsche 911 GT3 Cup da competizione può funzionare con carburanti sintetici, che secondo Porsche riducono significativamente le emissioni di CO2 in condizioni di gara.

“Questa tecnologia è particolarmente importante perché il motore a combustione continuerà a dominare il mondo automobilistico per molti anni a venire”, ha affermato in una dichiarazione a settembre Michael Steiner, membro del comitato esecutivo per la ricerca e sviluppo di Porsche. “Se si vuole far funzionare la flotta esistente in modo sostenibile, gli eFuel sono una componente fondamentale.”

Come detto, Porsche non è la prima casa automobilistica a indagare sui carburanti più puliti sostitutivi del petrolio. Audi, infatti, ha prodotto il suo primo lotto di e-diesel nel 2015, ad esempio, e Bentley, Mazda e McLaren hanno dato giudizi positivi sui carburanti sintetici. Nel frattempo Mercedes-Benz ha preso una posizione opposta, dal momento in cui il capo della ricerca e sviluppo Markus Schäfer nel 2020 ha dichiarato, alla rivista britannica Autocar, che l’e-fuel non è un’opzione praticabile e che la casa automobilistica si sta concentrando esclusivamente sull’elettrificazione.


Allo stesso modo, l’ E85, un sostituto della benzina senza emissioni di carbonio realizzato con l’85% di etanolo a base di mais, è stato promosso negli Stati Uniti dagli anni ’90, con oltre 100 modelli compatibili con E85 venduti da allora, dalla Mercedes- Benz CLA 250 alla Chrysler 300, dalla Chevrolet Impala alla Ram 1500.

La spinta di Porsche verso la sostenibilità ha fatto un altro grande passo avanti con l’annuncio che il suo impianto di produzione di eFuel nella Patagonia cilena ha ora aperto la strada a molti altri costruttori e aziende petrolchimiche. La sfida della decarbonizzazione per l’industria automobilistica è grande e complicata, ma Porsche crede fermamente che gli eFuel faranno parte della soluzione, oltre all’elettrificazione e alle tecnologie dell’idrogeno.

Il progetto dovrà essere effettuato in larga scala industriale, affinché i combustibili a emissioni zero diventino una parte praticabile dei suoi piani di decarbonizzazione. In breve, la casa di Zuffenhausen ritiene che i carburanti rispettosi dell’ambiente, ovvero quelli che catturano una parte delle emissioni legate alla loro combustione nel loro processo produttivo, possano prolungare la vita dei veicoli con motore a combustione.

Per fare ciò ha collaborato con il colosso tecnologico tedesco Siemens nello sviluppo del progetto e prevede una crescita esponenziale della capacità nei prossimi cinque anni, arrivando a produrre fino a 550 milioni di litri all’anno entro il 2026.


Il carburante stesso sarà inizialmente utilizzato per mezzi interni nella gestione delle auto da corsa e storiche a combustione di Porsche dal 2022, ma il marchio prevede di vendere i suoi carburanti ecologici ai consumatori a lungo termine. Ciò consentirà ai proprietari di Porsche di tutto il mondo di accedere ai carburanti per i loro modelli con motore a combustione, indipendentemente da come cambia la fornitura di benzina e diesel tradizionali, poiché il suo utilizzo nei veicoli privati verrà ridotto dopo il 2030.

Gli investimenti nella tecnologia dell’eFuel o dei combustibili sintetici sono stati presi in considerazione da molti produttori in una certa misura; questa soluzione ha lasciato un ulteriore campo aperto nella gamma di misure esplorate per affrontare la crisi climatica. Sebbene sia difficile da comunicare al grande pubblico, Porsche ritiene che la tecnologia giocherà un ruolo importante in futuro, spiegando il desiderio di investire così tanto in questo progetto. Se porta la casa tedesca a ottenere il controllo finale su una risorsa che le altre case automobilistiche non hanno mai avuto bisogno di considerare prima, potrebbe rivelarsi denaro ben speso.
Inoltre, come si sa, il maggior campo di sviluppo nel settore automotive è la Formula 1, il miglior laboratorio di esperienza del mondo. Le soluzioni studiate dalle squadre vengono poi con il passare del tempo trasmesse sulle strade di tutti i giorni, un transfer tecnologico invidiabile.
Alla fine dello scorso anno, la FIA, il massimo organismo della Federazione Automobilistica Sportiva a livello mondiale, ha annunciato l’uso dei biocarburanti E10 in Formula 1 a partire dal 2022, ma il prossimo passo verso la riduzione dell’impronta di carbonio della F1 avrà un approccio molto più ampio. La F1 ha annunciato di puntare all’uso all’ingrosso di carburanti sintetici entro il 2025, collaborando con produttori e società energetiche per sviluppare e produrre in serie biocarburanti che contribuiranno all’obiettivo di zero emissioni di carbonio della F1 entro il 2030.

Questi combustibili saranno fabbricati con tecniche che incorporano metodi di cattura del carbonio, rifiuti urbani o biomassa nella loro produzione, compensando parte del carbonio emesso quando viene bruciato all’interno di un’unità motrice di F1. Il carburante sarà “drop-in”, il che significa che i propulsori non richiedono modifiche specifiche per essere compatibili, abbinando anche la densità di energia dei carburanti da corsa ad alto numero di ottani di oggi.

Non ci resta che attendere…staremo a vedere.

0 Condivisioni